Le regine dell’autunno: le castagne! Proprietà, usi e come cucinarle

Le regine dell’autunno: le castagne! Proprietà, usi e come cucinarle

Così piccole e così gustose, le castagne sono ricche di ferro e acido folico, un vero e proprio concentrato di salute.

L’Autunno. Le foglie arancioni ai piedi dei marciapiedi, l’arietta dolce che ti spettina i capelli e quei primi lievi freddi.

Si ritorna pian piano alle proprie cose, alle tisane la sera e ai film sotto le coperte.

Dall’inconfondibile sapore dolce e dotate di interessanti proprietà, le castagne si rivelano un ottimo alleato del sistema nervoso, aiutano infatti a contrastare ansia e stress ma vengono consigliate anche in caso di anemia.

Indice

Proprietà e benefici delle castagne

Energetiche e ricostituenti: le castagne sono un energizzante naturale anche dopo un’influenza o nei cambi di stagione.

Aiutano il sistema nervoso: contengono fosforo, minerali e vitamine del gruppo B e per questo utili per il sistema nervoso. In caso di periodi di ansia, depressione o forte stress, le castagne contribuiscono sicuramente a diminuire questi sintomi.

Saziano: sono ricche di fibre e carboidrati complessi, perciò contribuiscono a dare presto un senso di fame. Sono quindi un ottimo spuntino di metà mattina o metà pomeriggio.

Anti-anemia: Questi frutti contengono ferro e, abbinarli ad alimenti ricchi di vitamina C, può senz’altro essere un sistema naturale anti-anemia.

Benefiche per il cuore e il colesterolo: grazie al contenuto in acidi grassi omega 6 e omega 3, le castagne aiutano anche il cuore e contribuiscono a regolarizzare la pressione sanguigna. Sono poi un alimento in grado di tenere a bada i livelli di colesterolo.

 

castagne

 

Contro la stitichezza: questo grazie alla grande presenza di fibre.

Facilmente digeribili: le castagne, solo se ben cotte, sono molto digeribili.

Senza glutine: pur assomigliando per composizione nutrizionale a cereali come orzo o frumento, le castagne non contengono glutine. Sono quindi un’ottima alternativa per chi soffre di celiachia o intolleranza al glutine.

Alimento completo se accompagnato alle proteine: come abbiamo già detto, le castagne hanno valori nutrizionali che possono essere equiparati a quelli di un cereale.

Nel Medioevo addirittura erano considerate un alimento afrodisiaco, soprattutto quando venivano lasciate macerare nel vino, oppure lessate nel vino stesso.

Usi delle castagne in cucina

Per quanto riguarda gli usi delle castagne in cucina, innanzitutto dobbiamo nominare le caldarroste, che tradizionalmente vengono preparate grazie ad un caminetto a legna o ad una brace. Dalle castagne essiccate si ricava poi la farina di castagne, che viene utilizzata per la preparazione del tradizionale castagnaccio, da arricchire con uvetta e pinoli.

Con le castagne si possono preparare anche delle ottime zuppe. Ad esempio, potrete arrostire le castagne e poi cuocerle in un brodo di verdure erbe aromatiche insieme ai vostri ortaggi preferiti. Con le castagne lessate si può preparare invece una purea utile per farcire le verdure ripiene. Sia la farina di castagne che le castagne lessate sono ingredienti utili per la preparazione di torte e biscotti.

La farina di castagne

Un’interessante alternativa alle castagne è la farina che da esse si ricava, adatta anche in questo caso a realizzare piatti dolci che salati. Vi abbiamo suggerito diverse ricette in cui utilizzarla, come quella dei padleti, frittelle tipiche della Lunigiana ma anche la torta di farina di castagne, riso e mele e il plumcake allo yogurt con farina di castagne.

Questa farina, spesso sottovalutata e poco conosciuta, si presta bene a realizzare:

• Crespelle
• Pasta fresca
• Gnocchi (mischiata a patate o altri tipi di farina)
• Panini
• Pancake
• Biscotti
• Zuppe (dato che oltre a dare sapore aiuta ad addensare)
• Pasta frolla

 

castagne in autunno

 

Controindicazioni delle castagne

Visto il grande apporto calorico di questi frutti, spesso si sconsiglia il consumo a chi è in sovrappeso o obeso e a chi soffre di diabete, colite, aerofagia e patologie legate al fegato.

Per le persone in salute invece… buon appetito!

 

Vanessa Villa